Cerca

Dall'eremo alla stalla. Storia di Sant'Antonio Abate e del suo culto

Dall'eremo alla stalla. Storia di Sant'Antonio Abate e del suo culto

3/11/2013
La Fondazione Ermitage Italia, in collaborazione con Ferrara Arte, lunedì 11 marzo alle ore 17.00 organizza un nuovo appuntamento presso la Sala dei Comuni del Castello Estense, con la conferenza di Silvana Vecchio e Giovanni Sassu che parleranno del libro di Laura Fenelli - ex borsista della Fondazione Ermitage Italia - "Dall'ermo alla stalla. Storia di Sant'Antonio Abate e del suo culto".


 
«L'Antonio eremita che vive solo nel deserto è lo stesso Antonio circondato di fedeli che invocano la guarigione, l'Antonio accompagnato da un maialetto dei dipinti trecenteschi è ancora l'Antonio dei santini, circondato dagli animali da stalla e da cortile, l'Antonio che cura i malati di fuoco sacro è l'Antonio che protegge il bestiame dalle malattie e la casa del contadino dagli incendi»: queste sono solo alcune delle sfaccettature della figura di sant'Antonio abate e del culto a lui tributato nel bacino mediterraneo nel corso dei secoli.
Attraverso testi e immagini Laura Fenelli ricostruisce una storia iniziata nel IV secolo dopo Cristo che vede l'asceta trasformarsi da santo eremita e poi taumaturgo a santo contadino e protettore degli animali.
Emergono in queste pagine «i meccanismi attraverso i quali si produce una devozione e un ordine religioso si innesta, talea floridissima, su un culto già radicato da secoli, e lo plasma, lo modifica, lo influenza a tal punto da renderlo, a prima vista, quasi irriconoscibile. Quello che la storia e le rappresentazioni dell'anacoreta della Tebaide, Antonio, dimostrano con chiarezza è il complicato processo attraverso il quale anche dalle immagini, costruite per specifiche esigenze di devozione, a memoria di attività economiche e terapeutiche, nascono nuovi testi e nuove leggende, pronte, ancora una volta, a dar luogo a innumerevoli raffigurazioni, in un continuo processo biunivoco di vasi perennemente comunicanti tra loro».

Laura Fenelli, laureata in Storia dell'arte medievale e dottore di ricerca in Storia medievale, è stata dal 2007 al 2011 borsista post-doc presso il Kunsthistorisches Institut-Max Planck Institut (Firenze). La dott.ssa Fenelli è stata inoltre borsista per la Fondazione Ermitage Italia. Si occupa di questioni di iconografia religiosa, agiografia e storia delle immagini. È autrice di numerosi articoli su riviste italiane e internazionali e di Il tau, il fuoco, il maiale. I canonici regolari di sant'Antonio abate tra assistenza e devozione (Spoleto 2006), monografia dedicata agli aspetti economico-devozionali dell'ordine antoniano.
È attualmente assegnista di ricerca presso il dipartimento di Storia, Culture, Civiltà dell’Università di Bologna.